Angelo Galanti: un restauratore-mercante di antichità a Chiusi nell’Ottocento

Sara Faralli

pp. 127-136, Figg. 3, Tavv. 2

PDF disponibile per l'acquisto. € 23.00

Se sei abbonato effettua il login. Informazioni per abbonarsi.


Abstract

Il progressivo sviluppo degli studi sulla storia dell’archeologia chiusina e l’edizione di numerosi documenti d’archivio consentono oggi di tracciare un quadro d’insieme piuttosto circostanziato su questo personaggio. La vita e le molteplici attività di Angelo Galanti – buon disegnatore, abile ‘restauratore’ e intermediario nella compravendita di antichità – ben esemplificano i tanti aspetti che caratterizzano la ricerca archeologica a Chiusi tra Ottocento e Novecento.

The article examines the life of Angelo Galanti and his various activities as illustrator, “restorer” and as a vital intermediary for the antique dealers in Chiusi during the second half of the nineteenth century. This study, based on numerous archival documents, provides not only a cross-section of the archaeological research in Chiusi but also of the “restoration” methods and the commercial transactions of ancient material carried out during the nineteenth and twentieth centuries.

Parole chiave